Un antifascista dimenticato: Max Ascoli fra socialismo e liberalismo. Con lettere inedite

Un antifascista dimenticato: Max Ascoli fra socialismo e liberalismo. Con lettere inedite

  • Paperback
By (author) 

List price: US$18.86

Currently unavailable

We can notify you when this item is back in stock

Add to wishlist

AbeBooks may have this title (opens in new window).

Try AbeBooks

Description

Questo volume, basato in buona parte su materiale inedito, cerca di approfondire alcuni aspetti del pensiero di Max Ascoli, e di ricostruirne la figura e il ruolo nella storia d'Italia dagli anni della formazione, a Ferrara, all'attività di antifascista, fino al "riparo" negli Stati Uniti d'America. L'autrice sottolinea il singolare percorso di maturazione ideologica di Ascoli, nel tentativo di tracciare una via tra socialismo e liberalismo dapprima fra Sorel, Proudhon e Croce, e poi con l'iscrizione al P.S.U. e la collaborazione a «La Rivoluzone Liberale». Particolare attenzione è dedicata all'opera giovanile Giorgio Sorel (1920), di cui si rivendica l'importanza nella storia della diffusione del pensiero di Sorel in Italia, documentandone l'influenza anche su Carlo Rosselli e Gobetti. Il poco conosciuto rapporto con Carlo Rosselli, dall'esito sorprendente, viene qui delineato in tutti i suoi aspetti, quello dottrinale, di azione politica e personale, anche nella contrapposizione fra i due caratteri. Nell'esilio americano, con la «Mazzini Society» (1940-'43), Ascoli offrì sostegno economico e morale ai fuoriusciti italiani. Il suo impegno concreto per la ricostruzione dell'Italia del dopoguerra si tradusse in una serie di fondamentali aiuti che arrivarono a Firenze e in Italia prima del Piano Marshall attraverso la C.A.D.M.A. diretta da Carlo Ludovico Ragghianti.show more

Product details

  • Paperback | 274 pages
  • Polistampa
  • 9788859602514