Rime Di Argia Sbolenfi

Rime Di Argia Sbolenfi

By (author) 

List price: US$6.31

Currently unavailable

Add to wishlist

AbeBooks may have this title (opens in new window).

Try AbeBooks

Description

Estratto: ...V PAN Pane, cornuto Iddio Benche non abbia moglie, Sul margine d'un rio S'appiatta in fra le foglie. Assalta di scancio Le Ninfe e poi le coglie, Facendone sciupio Secondo le sue voglie. Pero fissa e solinga Ebbe una fiamma in core Per la gentil Siringa: Dal che dedur conviene Che il povero signore Non orinasse bene. VI IO Io, diventata vacca Per volonta di Giove, Fessa, dolente e stracca, Cosi diceva al bove: Come mi sento fiacca E rotta in ogni dove! Non valgo una patacca In queste forme nuove: Il fieno m'e indigesto E i visceri m'annoda In modo disonesto. L'utile sol ch'io goda Nel mutamento, e questo: Che guadagnai la coda. LA ROVINA DEL SASSO (Per un numero unico) Fu la scena soltanto, Fu il drammaccio cruento, Che vi commosse al pianto. Se il monte non cascava, Morivano di stento Ma nessun ci badava. Per intendere questo epigramma bisogna sapere che nel comune di Sasso erano alcune grotte nel monte e alcune catapecchie dove parecchie famiglie disgraziate tenevano coi denti la vita. Tutti lo sapevano, lo vedevano e passavano. Rovino il monte e fece quel che non aveva fatto la fame: uccise i disgraziati. Subito si fecero sottoscrizioni, conferenze e numeri unici e in uno di questi la Poetessa, sott'altro nome che il suo, inseri i versi qui sopra. SONETTO Usci la Romanina E il labaro spiego, Ma l'orda libertina Lo prese e lo straccio, E tale una rovina Di calci si levo Che rotto per la china Qualche osso sacro ando. La barca di San Pietro Che a prora e fessa gia, Si rompe anche di dietro! Non vede Santita? Gli han detto __vade retro__ E Satana ci va. La Societa cattolica detta la Romanina...show more

Product details

  • Paperback | 32 pages
  • 189 x 246 x 2mm | 77g
  • Rarebooksclub.com
  • United States
  • Italian
  • black & white illustrations
  • 1236698746
  • 9781236698742