La Francia Dal Primo Impero Al 1871 (I)

La Francia Dal Primo Impero Al 1871 (I)

By (author) 

List price: US$6.31

Currently unavailable

Add to wishlist

AbeBooks may have this title (opens in new window).

Try AbeBooks

Description

Estratto: ...Rivoluzione, che il vecchio Lafayette magnifica va volentieri come un gioiello della mia repubblica, si era rivelata troppo chiaramente per un'anarchia costituita, perche potesse di nuovo essere desiderata da un partito serio. Non dai dottrinari. Il piu considerevole teorico del governo, Benjamin Constant, parla certamente, come un nato svizzero, con predilezione al federalismo e alla liberta dei comuni; egli chiama l'amore del luogo natio la fonte dell'amor di patria; ma non intende di cavarne le conseguenze per la politica francese. La massa del partito mancava affatto del senso dell'autonomia; il motto d'ordine della loro sapienza era la Carta, l'intera Carta, non altro che la Carta. Solo alla corte e tra gli emigrati si aveva una seria propensione per la riforma amministrativa. Non si era dimenticato, che un tempo Mirabeau voleva preparare nelle provincie la guerra civile contro la dittatura dalla metropoli radicale. La corona avrebbe volentieri seminato nelle provincie derelitte qualche grano di vita intellettuale autonoma, volentieri avrebbe preservato dalle influenze dello spirito turbolento di Parigi le regioni legittimiste del mezzogiorno. Si ebbe in animo di fondare diciassette universita al posto delle facolta esangui dipendenti dall'istituto centrale di Parigi; si distribui il superfluo del Louvre nelle gallerie di Digione, Marsiglia e Lione. La nobilta odiava l'esercito di scritturali, costituito dai commis parigini, con l'antico odio dei signori feudali; e pervenne a ottenere, che i beni comunali confiscati da Napoleone e tuttora invenduti fossero restituiti ai comuni: nei quali propositi assennati ebbe l'appoggio di realisti intelligenti come Martignac, De Serre, Royer Collard. Ma per quei pellegrini del sepolcro ogni idea politica torna in ghiribizzo, ogni riforma in leva di costanti cupidigie raffinate. La nobilta non aveva in orrore lo spirito dispotico della nuova burocrazia, ma i suoi meriti: la sua cultura...show more

Product details

  • Paperback | 80 pages
  • 189 x 246 x 4mm | 159g
  • Rarebooksclub.com
  • United States
  • Italian
  • black & white illustrations
  • 1236685474
  • 9781236685476