Disturbi del Comportamento Alimentare E Matrimonio Canonico

Disturbi del Comportamento Alimentare E Matrimonio Canonico

By (author)  , By (author)  , Preface by 

Free delivery worldwide

Available. Expected delivery to the United States in 15-20 business days.


Not ordering to the United States? Click here.

Description

Il tema stesso dell'opera e la sua attualita e un ulteriore motivo di interesse. I disturbi alimentari sono un fenomeno relativamente recente, una malattia sociale, concentrata nel mondo occidentale, spesso oggetto di studi sociologici e servizi clamorosi nei mass-media. Si tratta inoltre di un problema che tocca altri temi rilevanti: il ruolo della donna nella societa, la formazione dell'identita personale, l'influsso della pubblicita. La genesi e il percorso dei disturbi alimentari presentano dunque una sfida ai giudici ecclesiastici, impegnati nella ricerca della verita ed in fedelta alla dottrina cattolica sul vincolo matrimoniale. Il perito e il giudice debbono muoversi su di un comune terreno antropologico, cioe su di una visione dell'uomo equilibrata e realista, che rifugga i facili ottimismi come ogni pessimismo paralizzante: questo dovrebbe poter permettere una comunicazione tra i vari saperi tale da rispettare i propri campi di conoscenza e le specifiche metodologie, per riconoscere l'essenza e le proprieta del matrimonio, identificando i parametri (a volte anche non precedentemente esplicitati) di un'eventuale incapacita... (dalla Prefazione del R.P. Michael Hilbert, S.J.). ...Occorrera dunque esaminare con rigore le fattispecie di nullita matrimoniale in cui sarannoc oinvolti soggetti affetti da disturbi della condotta alimentare, valutando, anche con l'ausilio dei periti, se il disturbo abbia veramente causato un serio e sostanziale vulnus alla capacita critica-estimativa-elettiva della parte accusata d'incapacita, ovvero alla sua idoneita ad assumere gli obblighi essenziali del matrimonio. Un rilievo particolare assumera l'eventuale compresenza di altri disturbi e/o anomalie psichiche, coi quali il disturbo alimentare si ponga in posizione di concausa (in senso materiale) del difetto di discrezione o dell'incapacitas assumendi... una veloce disamina della - finora non copiosa - giurisprudenza rotale sembra suggerire che, generalmente, proprio in relazione alla sussistenza di un quadro patologico complesso, di cui il disturbo alimentare costituiva un tassello per quanto importante, si sia di volta in volta riconosciuta l'incapacita dei soggetti coinvolti ex can. 1095, n.2 o n.3; il che sottintenderebbe che la sussistenza del menzionato disturbo da se sola non e presupposto sufficiente a produrre l'incapacita psichica, almeno fin quando non raggiunga livelli di gravita che lo rendano autonomamente rilevante ai fini della nullita... sara il prosieguo del cammino giurisprudenziale a precisare i contorni della rilevanza canonica della categoria di disturbi in esame; non senza rinnovare comunque l'auspicio che, almeno per quanto dipende dai presupposti etno-culturali di si inquietante fenomeno, esso non abbia a conoscere nella realta sociale una ulteriore espansione (dalla Postfazione di S.E. Mons. Antoni Stankiewicz).
show more

Product details

  • Paperback | 404 pages
  • 146.05 x 209.55 x 25.4mm | 1,538g
  • Rome, Italy
  • Italian
  • 887839159X
  • 9788878391598