Decalogo Ecogeopolitico del Ventunesimo Secolo

Decalogo Ecogeopolitico del Ventunesimo Secolo : La folle corsa dell'umanita verso il nulla

By (author) 

Free delivery worldwide

Available. Expected delivery to the United States in 15-20 business days.


Not ordering to the United States? Click here.

Description

La generazione presente si trova a dovere affrontare enormi problemi. Infatti, non solo sulla Terra il numero degli esseri umani è già elevatissimo e il tasso di aumento di 80 milioni all'anno, ma non ci sono serie prospettive per la futura disponibilità di energia e di alimenti per tutta questa gente che potrebbe aumentare ancora dl 30-40% prima di fermarsi o di collassare in uno scenario apocalittico. Ancora peggio, nessuno si sta occupando di studiare i modi per affrontare questa drammatica situazione, tranne i miliardari cosiddetti neoliberisti che si occupano soltanto di sfruttarla a breve termine per accumulare altri miliardi accelerando la distruzione generale. Si parla di nutrirsi di insetti, di colture di tessuti animali o di batteri ma non si considera il fatto che anche questi poco appetitosi cibi necessitano di energia per la loro crescita e che la futura produzione di energia è persino più problematica della futura produzione di cibo. L'umanità va dunque incontro a un disastro, governata come è da gente ignorante e avida che pretende di tenere in pugno il timone pur non avendo la minima idea né del luogo da raggiungere né della rotta da seguire.Che fare? Serve una forte risposta collettiva che anzitutto deve avere l'obiettivo di rovesciare il potere in atto sostituendolo con un sistema di economia programmata, spero programmata meglio di quanto avvenne nei tentativi in tal senso del secolo scorso. Poi sarà necessario prendere rapidamente coscienza della gravità della situazione mondiale e riflettere sui possibili modi per affrontarla, certamente abbassando il nostro tenore di vita ma almeno sopravvivendo. Certo è che la politica attuale ci porta tutti direttamente al disastro, oppressi e oppressori, i più stupidi oppressori mai apparsi nella storia, i più inopportuni, sgangherati, fuori tempo massimo. Ormai, una rivoluzione è indilazionabile, con metodi pacifici se sarà possibile, altrimenti con qualsiasi mezzo, dato che l'alternativa è talmente spaventosa da non poter essere neppure pronunciata né immaginata.
show more

Product details

  • Paperback | 82 pages
  • 152 x 229 x 5mm | 132g
  • Italian
  • 1731441940
  • 9781731441942