Christmas Posting Dates
Moto pendolare

Moto pendolare

Paperback Biblioteca 80

By (author) Alessandra Zecchini

Currently unavailable
We can notify you when this item is back in stock

Add to wishlist
OR try AbeBooks who may have this title (opens in new window)

Try AbeBooks
  • Publisher: L'Autore Libri Firenze
  • Format: Paperback | 96 pages
  • Publication date: 26 May 2011
  • ISBN 13: 9788851720643

Product description

«Moto pendolare è un'opera di difficile classificazione quanto al genere. È un racconto, una fitta tela di racconti tessuta con un unico filo. È un poemetto (quasi del tutto) in prosa, un antico diario rimaneggiato o, ancora, un singolare romanzo epistolare, nel quale, invece che lettere, i due principali protagonisti della storia narrata, o delle storie, si scambiano degli sms. I nomi di questi due personaggi, Berenice e Evergete, proiettano in tempi e luoghi remoti uno dei poli tra i quali rimbalza l'esuberante fantasia dell'autrice, e precisamente ad Alessandria d'Egitto, all'epoca dei Tolomei, nel 250 a. C., durante il regno di Tolomeo III Evergete. Il tutto viene raccontato per pura commozione, e la commozione non è che il gioco di trascrivere, di raccontare l'emozione: per dominarla, certo, ma anche per proporre, anzi riproporre, un gioco ironico e sensuale; che in definitiva è il gioco della scrittura». (Dalle note di lettura di Giovanni Monasteri)

Other people who viewed this bought:

Showing items 1 to 10 of 10

Description for reader

«Moto pendolare è un'opera di difficile classificazione quanto al genere. È un racconto, una fitta tela di racconti tessuta con un unico filo. È un poemetto (quasi del tutto) in prosa, un antico diario rimaneggiato o, ancora, un singolare romanzo epistolare, nel quale, invece che lettere, i due principali protagonisti della storia narrata, o delle storie, si scambiano degli sms. I nomi di questi due personaggi, Berenice e Evergete, proiettano in tempi e luoghi remoti uno dei poli tra i quali rimbalza l'esuberante fantasia dell'autrice, e precisamente ad Alessandria d'Egitto, all'epoca dei Tolomei, nel 250 a. C., durante il regno di Tolomeo III Evergete. Il tutto viene raccontato per pura commozione, e la commozione non è che il gioco di trascrivere, di raccontare l'emozione: per dominarla, certo, ma anche per proporre, anzi riproporre, un gioco ironico e sensuale; che in definitiva è il gioco della scrittura». (Dalle note di lettura di Giovanni Monasteri)