• La scrittura della storia

    La scrittura della storia (Di fronte e attraverso. Filosofia) (Paperback)(Italian) By (author) Michel de Certeau, Edited by S. Facioni, Translated by A. Jeronimidis

    Currently unavailable

    We can notify you when this item is back in stock

    | Add to wishlist

    OR try AbeBooks who may have this title (opens in new window).

    Try AbeBooks

    DescriptionMichel de Certeau è stato un punto di riferimento per la sua comprensione dei meccanismi dell'ideologia, mentre è spesso rimasto incompreso il matrimonio da lui consumato tra pensiero storico filosofico e antropologia culturale e religiosa. Matrimonio impossibile per i maitres à penser della Parigi dell'epoca da Althusser a Bettelheim, da Derrida a Lacan. L'impossibilità era dell'ambito delle pratiche del sapere e de Certeau aveva rotto il politically correct di tali pratiche.


Other books

Other people who viewed this bought
Showing items 1 to 10 of 10

 

Reviews | Bibliographic data
  • Full bibliographic data for La scrittura della storia

    Title
    La scrittura della storia
    Authors and contributors
    By (author) Michel de Certeau, Edited by S. Facioni, Translated by A. Jeronimidis
    Physical properties
    Format: Paperback
    Language
    Italian
    ISBN
    ISBN 13: 9788816407381
    ISBN 10: 8816407387
    Classifications

    Warengruppen-Systematik des deutschen Buchhandels: 25520
    DEA Department: _S
    Alice classification: 940
    Soggetto CCE V2: HBAH
    Publisher
    Jaca Book
    Imprint name
    Jaca Book
    Publication date
    01 May 2006
    Description for reader
    Michel de Certeau è stato un punto di riferimento per la sua comprensione dei meccanismi dell'ideologia, mentre è spesso rimasto incompreso il matrimonio da lui consumato tra pensiero storico filosofico e antropologia culturale e religiosa. Matrimonio impossibile per i maitres à penser della Parigi dell'epoca da Althusser a Bettelheim, da Derrida a Lacan. L'impossibilità era dell'ambito delle pratiche del sapere e de Certeau aveva rotto il politically correct di tali pratiche.