• Del desiderio. Che cosa vogliamo e perché

    Del desiderio. Che cosa vogliamo e perché (Virgola) (Paperback)(Italian) By (author) William B. Irvine, Translated by S. Proietti

    Currently unavailable

    We can notify you when this item is back in stock

    | Add to wishlist

    OR try AbeBooks who may have this title (opens in new window).

    Try AbeBooks

    DescriptionI desideri spesso ci colgono nostro malgrado, e talvolta hanno un impatto enorme che arriva a cambiare il corso della nostra vita. In questo libro, William Irvine, filosofo americano, accompagna in un viaggio attraverso gli impulsi, le aspirazioni, i bisogni di tutti, tentando di indicare la loro origine e il modo in cui sperare di dominarli. Riannodando Seneca a Tolstoj, Socrate a Twain, Siddharta a Freud, Irvine costruisce la sua trama, senza tralasciare gli insegnamenti buddisti, induisti, degli amish e dei santi cattolici, e ancor meno il pensiero degli antichi greci e dei filosofi moderni.


Other books

Other people who viewed this bought
Showing items 1 to 10 of 10

 

Reviews | Bibliographic data
  • Full bibliographic data for Del desiderio. Che cosa vogliamo e perché

    Title
    Del desiderio. Che cosa vogliamo e perché
    Authors and contributors
    By (author) William B. Irvine, Translated by S. Proietti
    Physical properties
    Format: Paperback
    Number of pages: 269
    Language
    Italian
    ISBN
    ISBN 13: 9788860360441
    ISBN 10: 8860360447
    Classifications

    Warengruppen-Systematik des deutschen Buchhandels: 25200
    DEA Department: _S
    Alice classification: 190
    Soggetto CCE V2: HP
    Publisher
    Donzelli
    Imprint name
    Donzelli
    Publication date
    01 July 2006
    Description for reader
    I desideri spesso ci colgono nostro malgrado, e talvolta hanno un impatto enorme che arriva a cambiare il corso della nostra vita. In questo libro, William Irvine, filosofo americano, accompagna in un viaggio attraverso gli impulsi, le aspirazioni, i bisogni di tutti, tentando di indicare la loro origine e il modo in cui sperare di dominarli. Riannodando Seneca a Tolstoj, Socrate a Twain, Siddharta a Freud, Irvine costruisce la sua trama, senza tralasciare gli insegnamenti buddisti, induisti, degli amish e dei santi cattolici, e ancor meno il pensiero degli antichi greci e dei filosofi moderni.